Vuoi star bene? Trova il tuo ritmo!

La vita oggi è molto complessa e siamo continuamente sotto pressione, con la sensazione che il tempo non basti mai per soddisfare tutte le richieste che arrivano, dalla sfera familiare così come da quella professionale. Ma la complessità può essere affrontata nel rispetto di sé, se si trova il proprio ritmo interiore. A partire da piccoli cambiamenti… il mio motto è “Non avere fretta se vuoi danzare la vita”.

Per essere efficienti si deve spesso essere veloci, ma, aggiungo, non di fretta, non conviene. Di fretta ci si perde, ci si aliena, ci si allontana da se stessi, non si è presenti, non si è coscienti e non si vive pienamente. Si vive in automatico, perdendo il gusto della vita.

E’ vero, non è facile, ma vale la pena trovare il proprio ritmo interiore, per non lasciarsi sopraffare da ansie e frustrazioni. Il segreto per trovarlo? L’integrazione tra mente e corpo, in modo concreto e autentico: siamo abituati a pensare che la mente controlli il corpo, ma è ormai evidente anche alla scienza che il dialogo è a doppio binario e che il corpo è un interlocutore fondamentale per il nostro modo di pensare.

E’ il principio della pratica di MovimentoSano©, che va al di là della fisicità: riappropriandoti del tuo corpo in connessione alla mente, ti conosci, sai cosa vuoi e ti esprimi con gioia, in libertà, al di là delle situazioni difficili che si presentano. Coltivare questa connessione significa essere in un rapporto amorevole con noi stessi che ci permette di autoregolarci, riconoscendo ciò che è buono per noi da ciò che non lo è, per sentirsi bene, in salute. e anche felici.
 

La postura? E’ il nostro modo di stare al mondo

Il nostro agire nel mondo dipende dal nostro agire tout court: è il movimento dettato dalla nostra postura nell’interazione con l’ambiente e con i bisogni del momento. Ecco perché la postura, in questa accezione dinamica, è la chiave principale per poter modificare i nostri schemi comportamentali, fino a raggiungere la maturità, ossia liberare le nostre capacità fisiche, mentali, emozionali da abitudini o convinzioni, più o meno consce, per riappropriarcene e agire secondo i nostri desideri più intimi, nel presente di ogni momento. Per approfondire il concetto di postura in senso dinamico, puoi leggere il mio articolo pubblicato sulla rivista Arte Medica.

La vita si esprime nel movimento

A cinque settimane dal concepimento hai iniziato a muoverti per imparare a interagire con te stessa/o e con l’ambiente. E hai continuato a farlo da bambino, in relazione al tuo patrimonio genetico e all’ambiente in cui crescevi (famiglia, educatori, stimoli di ogni genere), apprendendo modelli di comportamento che ti appartengono a tuttoggi e nei quali ti identifichi. Con il Metodo Feldenkrais puoi riconoscere queste tue abitudini così che non siano più una scelta obbligata – un copione in automatico e ripetitivo – e puoi impararne di più efficienti, dandoti nuove possibilità e migliorando la qualità della tua vita. Il Metodo Feldenkrais agisce attraverso strategie di movimento che stimolano il sistema nervoso a liberare il tuo potenziale: migliori le prestazioni fisiche e intellettuali, acquisti energia e vitalità, scopri capacità intuitive e creatività, superi situazioni di dolore.

Perché funziona? Perché stimola la neuroplasticità (capacità del cervello di modificarsi) apportando miglioramenti nella postura, nell’equilibrio, nella coordinazione, per un benessere integrato, che riguarda la globalità della persona. Il presupposto è che movimento fisico, psicologico, emotivo, fisiologico sono un tutt’uno.

Ogni espressione della vita si manifesta attraverso il movimento. (Moshe Feldenkrais)

Il cervello cresce anche dopo i 50 anni, basta tenerlo attivo

“Il cervello continua a svilupparsi e a crescere anche dopo i cinquant’anni, basta tenerlo attivo e sollecitarlo con nuovi stimoli. Lo dimostra una ricerca dell’università di Amburgo e dell’Ospedale universitario di Jena, pubblicati sulla rivista «Journal of Neuroscience». L’esperimento ha coinvolto 44 adulti tra i 50 e i 67 anni, a cui e stato chiesto di imparare giochi di prestigio. Dopo tre mesi di prove, le regioni che si sono sviluppate giocando sono state l’ippocampo, area dell’apprendimento che puo’ produrre nuove cellule cerebrali, e il «nucleus accumbens’, l’area coinvolta nel piacere. Non solo: chi ha interrotto gli esercizi, ha subito una leggera diminuzione di ‘materia grigia». La stessa equipe aveva già realizzato un studio pubblicato da Nature e che dimostrava come, anche dopo i vent’anni, considerato il limite del processo di maturazione cerebrale, il cervello è in condizioni di continuare a crescere.” (corrieredellasera.it, 8 luglio 2010).
E’ su questi presupposti scientifici che si basa la pratica di MovimentoSano©, un’educazione neuromotoria che stimola la plasticità del cervello per migliorare lo stato di salute e le prestazioni su tutti i livelli (fisico, psicologico, emotivo) e per risolvere situazioni di dolore, problemi di natura posturale, stress, stanchezza cronica, traumi postoperatori ecc.
Le sofisticate strategie di movimento derivano dalle oltre 1000 lezioni di Consapevolezza Attraverso il Movimento® elaborate dallo scienziato, ricercatore ed esperto di arti marziali Moshe Feldenkrais, fondatore dell’omonimo Metodo, una sintesi inusuale e geniale di biomeccanica, neurofisiologia, psicofisica, sviluppo motorio, scienze cognitive.
Vuoi provare? Iscriviti alla newsletter e riceverai gratis pratiche audio e video!